Vaccini in farmacia, manuale Fip su vaccinazione e ruolo del farmacista

L’International pharmaceutical federation (Fip) mette un nuovo strumento formativo a disposizione dei farmacisti, il “Fip vaccination handbook for pharmacists”, un manuale che affronta uno ad uno i principali aspetti coinvolti nella gestione della pratica vaccinale in farmacia. Si tratta di un testo articolato e dettagliato, che si apre illustrando l’attuale situazione mondiale della copertura vaccinale, i livelli di accesso ai vaccini e i programmi dell’Oms sull’immunizzazione delle popolazioni. Vengono inoltre presentati i vaccini attualmente disponibili e sono ampiamente descritte le procedure e le indicazioni per la gestione a trecentosessanta gradi della vaccinazione in farmacia, compreso quanto riguarda la logistica, l’amministrazione e la formazione del personale, oltre alla parte strettamente legata alla somministrazione e a come affrontare eventuali eventi avversi. Al termine di ogni argomento, una sezione viene dedicata alle risposte ai quesiti più frequenti sul tema trattato nel capitolo.

Il ruolo strategico della farmacia nel diffondere la copertura vaccinale.

Ferma sostenitrice del ruolo rilevante dei farmacisti nelle campagne vaccinali mondiali, la Fip ha realizzato questo manuale nell’ambito di un più ampio programma che la Federazione sta portando avanti come contributo della farmacia all’Agenda 2030 sull’immunizzazione dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e al Piano d’azione globale sui vaccini 2011-2020. La presenza capillare delle farmacie sul territorio offre infatti un’opportunità ineguagliabile di diffondere informazione e cultura sui temi legati ai vaccini. Per sottolinearlo, parte del manuale Fip affronta il ruolo educativo del farmacista nei confronti dei cittadini, che attraverso il consiglio di questo professionista sanitario possono dissipare i dubbi sull’argomento e acquisire maggior consapevolezza. La diffusione dei farmacisti vaccinatori, inoltre, contribuisce in modo significativo a rendere i vaccini sempre più accessibili ai pazienti. «Il manuale – afferma la Fip nella presentazione – descrive in dettaglio i molti modi in cui i farmacisti possono contribuire a migliorare la copertura vaccinale, come la catena di approvvigionamento e la gestione delle scorte, lo stoccaggio, la tenuta dei registri, la facilitazione degli appuntamenti e la somministrazione dei vaccini, ma sottolinea anche il loro importante ruolo educativo e consultivo».

Dal 2016 grande crescita delle farmacie punti vaccinali.

La Fip ha condotto una serie di indagini sull’attivazione dei servizi vaccinali nelle farmacie del mondo. Come spiega la Federazione nel manuale, a marzo 2020 (ultimi dati disponibili), il servizio di vaccinazione in farmacia era disponibile in almeno 36 paesi e territori in tutto il mondo, 16 in più rispetto al 2016. A livello pratico, ciò ha dato la possibilità di accesso ai vaccini a quasi 1,8 miliardi di persone in più e, come sottolinea la Federazione, i numeri dal 2020 stanno aumentando. Il manuale nasce per supportare i farmacisti che hanno deciso di diventare vaccinatori e incentivarne l’aumento attraverso la diffusione di risorse e strumenti formativi che accrescano le competenze del personale farmaceutico. «Questo manuale – si legge nel testo – offre una guida alle azioni appropriate che devono essere eseguite da farmacisti o altri membri del personale farmaceutico nella pre-somministrazione, somministrazione e post-somministrazione del vaccino. Per tutte e tre le fasi, è essenziale che i farmacisti e gli altri membri del personale farmaceutico che offrono servizi di vaccinazione alla collettività si attengano alla normativa vigente nella propria giurisdizione in materia di somministrazione del vaccino e siano certificati per fornire tale servizio dopo aver intrapreso la formazione richiesta».

© Riproduzione riservata