DPC Campania, nuove regole durante il periodo estivo

dpc-campania-

In una lettera inviata alle Asl, a Federfarma e ad Assofarm, la giunta regionale della Campania ha precisato alcune indicazioni in materia di fornitura di farmaci in distribuzione per conto nel corso del periodo estivo. «Abbiamo invitato più volte i medici e i farmacisti – ha spiegato l’organismo esecutivo della Regione – ad allineare le prescrizioni e le relative erogazioni ad un fabbisogno terapeutico non superiore ad un mese, al fine di evitare sprechi dovuto all’erogazione di confezioni in eccesso rispetto a quanto necessario a soddisfare i fabbisogni dei pazienti aventi diritto». Posto tale principio di base, tuttavia, «con l’approssimarsi del periodo estivo, la fornitura mensile potrebbe non essere sufficiente a garantire le terapie agli assistiti che si trovano occasionalmente in vacanza al di fuori del territorio della regione, i quali sarebbero costretti a ritirare parte dei farmaci accedendo altrove al canale di erogazione della convenzionata, decisamente più oneroso rispetto alla Dpc. Inoltre, spesso i farmaci del PHT non risultano disponibili presso i distributori intermedi, con la conseguenza che, in taluni casi, gli assistiti rischierebbero di dover interrompere le terapie in corso». È per queste ragioni che la giunta ha chiesto «in deroga agli accordi provinciali e alle note regionali in materia, di modulare il numero massimo di confezioni erogabili sulla ricetta Dpc in funzione del periodo necessario alla fruizione delle ferie estive da parte dei pazienti, consentendo ai medici di prescrivere in distribuzione per conto terapie di durata anche superiore ai 30 giorni, purché non eccedenti i 60 giorni, in singoli casi adeguatamente accertati dal prescrittore». Ne consegue, che le farmacie «saranno autorizzate a spedire ricette redatte in conformità alla deroga». Resta in ogni caso in vigore «la verifica del numero totale di confezioni erogabili in Dpc per singolo Piano SaniARP, in quanto tutte le confezioni erogate in Dpc, anche se in eccesso rispetto al fabbisogno mensile, andranno a cumularsi fino e non oltre al numero totale di confezioni previste nel piano SaniARP».
La deroga è valida fino al 20 agosto: a partire da tale data, si dovrà tornare alle regole normali.