Guacci. la distribuzione farmaceutica al servizio della tua farmacia. Scegli Guacci per crescere in valore ed efficienza.

Un filo diretto con i farmacisti: Hai bisogno di supporto o altro? Contattaci

Coronavirus, le modalità per una tantum Enpaf destinato ai farmacisti colpiti

Lo scorso marzo l’Ente di previdenza e assistenza farmacisti (Enpaf) aveva reso noto dell’avvio di li a poco di misure finalizzate ad erogare un bonus una tantum ai farmacisti colpiti da coronavirus. Ebbene, secondo quanto rende noto lo stesso Ente «è stato stanziato un primo importo di 500.000,00 euro che potrà essere reintegrato in caso di esaurimento dello stanziamento». Più nel dettaglio, gli importi sono destinati nei casi di «decesso del farmacista iscritto, anche se titolare di pensione, vittima del Covid-19». In tal caso il contributo è pari a 11.000,00 euro». Nel caso di «ricovero del farmacista iscritto, anche se titolare di pensione, presso una struttura ospedaliera a seguito di positività al Covid-19», il contributo è pari a 200,00 euro per ogni giornata di ricovero.

Anche isolamento obbligatorio domiciliare o presso struttura dedicata e chiusura temporanea della farmacia o della parafarmacia rientrano tra i casi oggetto delle misure di sostegno. Nel primo il contributo è pari a 100,00 euro per ogni giornata di isolamento, mentre, nel secondo caso il contributo, a favore del titolare o del socio delegato, è pari a 400,00 euro per ogni giornata di chiusura.

Quanto alla modulistica, essa è disponibile sul portale www.enpaf.it. Infine, l’Enpaf fa sapere che è «consentito il cumulo di più di un contributo, l’inoltro della domanda dovrà avvenire esclusivamente tramite Posta elettronica certificata (Pec) all’indirizzo posta@pec.enpaf.it. L’erogazione del contributo da parte della Sezione Assistenza è subordinata alla verifica della regolarità contributiva del farmacista».

© Riproduzione riservata