Guacci. la distribuzione farmaceutica al servizio della tua farmacia. Scegli Guacci per crescere in valore ed efficienza.

Un filo diretto con i farmacisti: Hai bisogno di supporto o altro? Contattaci

Clostridioides difficile, Fda approva trattamento in pazienti di età pediatrica

Come è noto, il Clostridioides difficile, una volta conosciuto come Clostridium difficile, è un batterio appartenente alla famiglia Clostridiaceae che provoca diarrea e colite, spesso letali in determinate condizioni. Secondo i dati provenienti dai Centers for disease control and prevention (Cdc), agenzia federale degli Stati Uniti controllata dal Dipartimento di salute e servizi umani, si stima che l’infezione da Clostridioides difficile causi quasi mezzo milione di malattie negli Stati Uniti ogni anno e circa 1 su 5 pazienti affetti da Clostridioides difficile lo riprenderanno. Tra i nuovi trattamenti utili a risolvere un’infezione, la Food and drug administration ha approvato il farmaco Dificid, a base del principio attivo fidaxomicina, nella forma farmaceutica in compresse e in sospensione orale, disponibili per l’uso in pazienti pediatrici di età pari o superiore a 6 mesi per il trattamento della diarrea associata a Clostridioides difficile.
«Questa approvazione – puntualizza la Fda in una nota – fornisce un’ulteriore opzione di trattamento sicura ed efficace nonché una nuova formulazione per questa popolazione di pazienti pediatrici vulnerabili. Dificid compresse erano state precedentemente approvate per il trattamento di diarrea associata a Clostridioides difficile negli adulti di età pari o superiore a 18 anni». Quanto alle reazioni avverse più comuni osservate nei pazienti pediatrici trattati con Dificid, la Fda evidenzia che «incudono vomito, diarrea, dolore addominale, costipazione, febbre e aumento delle aminotransferasi». Inoltre, la Fda sottolinea che «per ridurre lo sviluppo di batteri resistenti ai farmaci e mantenere l’efficacia di Dificid e di altri farmaci antibatterici, Dificid deve essere usato solo per il trattamento di infezioni che si sono dimostrate o si sospetta fortemente che siano causate da Clostridioides difficile».

© Riproduzione riservata