730 precompilato: semplificazioni e novità per il 2023

A partire dal 2 maggio 2023 è possibile accedere al modello 730 precompilato online, consultabile per un primo periodo. Dall’11 maggio, potrà essere accettato, modificato e inviato. Tra le principali novità di quest’anno, l’Agenzia delle entrate ha introdotto semplificazioni per abilitare una “persona di fiducia” e un aumento dei dati inseriti, che superano quota 1 miliardo e 300 milioni. Il calendario 2023 prevede dunque che i modelli precompilati sono consultabili dal pomeriggio di martedì 2 maggio, mentre l’invio inizierà l’11 maggio e terminerà il 2 ottobre 2023.

Oneri detraibili e deducibili, familiari a carico

Il provvedimento firmato il 18 aprile 2023 dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, elenca le informazioni in possesso del Fisco relative agli oneri detraibili e deducibili e ai relativi rimborsi comunicati da terzi. I dati trasmessi all’Agenzia quest’anno superano quota 1 miliardo e 300 milioni (+8% rispetto al 2022). Tra i nuovi dati utilizzati quest’anno, si evidenziano le spese per canoni di locazione e di intermediazione riferite all’acquisto di immobili adibiti a “prima casa” e quelle riferite ai corsi post diploma presso istituti statali di alta formazione e specializzazione artistica e musicale. L’Agenzia individua i familiari da considerare fiscalmente a carico sulla base delle Certificazioni uniche trasmesse dai sostituti d’imposta, e il contribuente è tenuto a modificare la precompilata se necessario.

Modalità di accesso e delega alle persone di fiducia

Per accedere alla precompilata e ai dati utilizzati dal Fisco, è possibile utilizzare l’area riservata dell’Agenzia delle Entrate tramite Spid, Carta nazionale dei servizi (Cns) o Carta d’identità elettronica (Cie). Il contribuente può consentire a un familiare o una persona fisica di sua fiducia di accedere ai servizi online dell’Agenzia e di gestire e presentare il proprio 730 precompilato. La delega può essere presentata tramite la specifica funzionalità web disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia o tramite Pec o il servizio online di videochiamata. Inoltre, su richiesta del contribuente, la delega può essere estesa fino a 3 annualità.

Accesso per Caf, professionisti e sostituti d’imposta

Il provvedimento descrive in dettaglio modalità e requisiti necessari per accedere alle dichiarazioni precompilate da parte dei sostituti d’imposta, professionisti e Caf. Quest’anno, in via sperimentale, viene introdotta la delega digitale, un documento informatico sottoscritto dal contribuente con una firma elettronica avanzata proposta dal Caf. La procedura prevede l’identificazione del contribuente su un servizio web reso disponibile dall’Agenzia, utilizzando gli strumenti previsti all’articolo 64 del Codice amministrazione digitale. In questo modo, l’Amministrazione finanziaria viene informata della delega contestualmente al momento del conferimento.